Dal dire al Fare:

Riduzione fino all’Abolizione della Contenzione.

Etica ed estetica del prendersi cura

La contenzione, questa sconosciuta

La contenzione è tutt’ora una pratica diffusa nelle strutture che si occupano di persone fragili. Nonostante ci sia un’ampia letteratura internazionale ad evidenziare che essa è altamente disabilitante, spesso viene utilizzata nell’intento di ridurre il rischio di cadute; in realtà essa non solo non ne riduce il rischio, ma si associa spesso ad un aumento della traumatologia, prodotto dal tentativo della persona oggetto della contenzione di liberarsi. 

La contenzione si intreccia con pratiche assistenziali che costituiscono un retaggio della cultura prestazionale, centrata sull’organo e sulla patologia e non sempre sulla persona. Eliminare la contenzione è una battaglia di buon senso oltre ad un dovere legale. Il corso si propone l’obiettivo di far conoscere la normativa attuale e condividere delle esperienze che dimostrino che non contenere è possibile. I fattori che generano la contenzione sono sia individuali che sistemici, perciò è necessario affrontare il problema sia dal punto di vista delle competenze che delle prassi.

Contenuti

Come affrontare il cambiamento.

Tutti i comportamenti sono determinati certamente da fattori individuali, ma la spinta preponderante sta della cultura del contesto, che può far degenerare in maniera invisibile anche le migliori organizzazioni. I fattori di rischio sono molti: eccessiva burocratizzazione dell’organizzazione, la vicinanza/lontananza sia fisica che emotiva, il ruolo di potere reciproco operatore/residente/ famiglia/direzione/istituzioni, quella che viene chiamata la psicologia sociale maligna.

Per affrontare il cambiamento vòlto alla riduzione della contenzione è indispensabile comprendere queste spinte, ad acquisire gli strumenti per governarle.

Competenze e strumenti utili.

E’ certamente necessario affrontare il problema dal punto di vista delle competenze teoriche: definizione di contenzione, la conoscenza della normativa e dei codici deontologici delle professioni sanitarie; ma a queste competenze devono essere affiancati strumenti per agire sulle prassi.

Obiettivi formativi

Il corso ha gli obiettivi di:

  • fornire nozioni teoriche sulla normativa attuale, sui codici deontologici delle professioni sanitarie e sulle dinamiche che determinano i comportamenti, correlate alla gestione della contenzione;
  • introdurre una riflessione sui fattori organizzativi e sulla leadership;
  • indicare alcuni degli strumenti operativi utili alla valutazione, riduzione e gestione degli ausili rischio di contenzione.

Metodologia didattica

La giornata sarà dedicata nella prima parte prevalentemente ad attività di didattica frontale, nella seconda parte prevede  un lavoro di   esercitazioni teorico pratiche per l’applicazione di uno strumento, una flow chart decisionale, utile per attivare un percorso di riduzione fino all’abolizione della contenzione nell’assistenza ad Anziani a differente grado di non autosufficienza.

POTREBBE

INTERESSARTI

ANCHE

Partners

Partners

thin

Via Alessandro Volta, 4

50012 Grassina – Bagno a Ripoli – Firenze

E-Mail: info@centrostudiorsa.org

Cell: 329 6067268


P.IVA: 01848760979 – Cod. Fisc. 92056840488 – Cookie Policy – Privacy Policy

Per richiedere informazioni, compila il modulo seguente:

    Clicca qui per maggiori informazioni

    *Campi obbligatori